“Nubi di ieri sul nostro domani odierno” (cit.): Arriva iCloud

Steve Jobs fara piovere musica dalla sua nuvola. Il carismatico leader di Apple ha presentato ieri iCloud, il sistema gratuito di cloud computing per gli utenti della mela. Con iCloud, ogni file immesso nella memoria virtuale “cloud” – ad esempio canzoni comprate su iTunes – sarà subito disponibile in tutti i dispositivi dell’utente, iPod, ipad e Mac che siano. Ognuno ha a disposizione uno spazio gratuito di 5 gb. Per espanderlo (la grandezza massima potrà contenere 20 mila canzoni) si pagheranno 24,99 dollari. L’integrazione tra iCloud e le varie apps è automatica. La grande novità è che nulla passa più dal pc. Cloud computing significa proprio questo: addio memoria fissa. Tutto è in rete. I file aleggeranno nell’aria. Tra le nuvole, appunto.

Advertisements
This entry was posted in novità and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s