Record Store Day 2011: Radiohead, Norah Jones, Lcd Soundsystem e altre amenità

Una giornata della memoria per i dischi. Il Record Store Day l’hanno inventato cinque anni fa i nostalgici del vinile, in America. Si accompagna, non a caso, alla ripresa delle vendite di long playing che si registra nei negozi di mezzo mondo. Oggi si celebra anche da noi: sul sito ufficiale della manifestazione c’è l’elenco dei negozi italiani che hanno aderito. Cosa rende allettante il Record Store Day? Le edizioni limitate in 45 e 33 giri, contenenti inediti, distribuite solo nei negozi che aderiscono all’iniziativa. Rarità per le nicchie? Forse. Ma non sempre. A volte succedono cose notevoli: per dire, l’unica canzone registrata dai Blur dopo lo scioglimento del 2003 è un pezzo per il Record Store Day dell’anno scorso (“Fool’s Day”, titolo forse non casuale). E quest’anno sono stati i Radiohead a sfornare un singolo appositamente per l’evento.

Per chi volesse saperne di più, c’è un buon articolo sul sito del Sole 24 ore. Qui segnaliamo qualche chicca tra le proposte del Record Store Day di quest’anno.

Danger Mouse & Daniele Luppi (feat. Norah Jones) – Black

Danger Mouse, produttore fighissimo (Gorillaz e Beck tra i clienti), fondatore di Gnarls Barkley e Broken Bells, burlone di razza che si guadagnò l’attenzione di tutti mischiando Jay Z e i Beatles (“Black Album” vs “White Album” = “Gray Album”), si interessa ora alle colonne sonore di spaghetti-western. Da Morricone & co. è partito per il suo ultimo progetto, assieme al compositore Daniele Luppi. L’album si chiamerà “Rome” (evvai), e le parti vocali sono affidate a du’ pischelli come Jack White e Norah Jones.

Grinderman – ‘Evil’ (Silver Alert Remix featuring Matt Berninger)

Il cantante dei National presta il suo vocione al remix di un pezzo di Nick Cave & soci barbuti. Non riesco ad incollare il player, quindi per andare alla pagina della canzone su Soundcloud cliccate qui.

Lcd Soundsystem – Live alone (Franz Ferdinand Cover)

Anche stavolta, link qui su Soundcloud. Stilolissima (come sempre), un po’ più oscura dell’originale, richiama il clima post-punk da primi anni ’80 che James Murphy tanto ama. Per il Record Day Store, i Franz Ferdinand hanno fatto uscire un ep di sole cover. Questa stessa canzone è stata reinterpretata anche da Debbie Harry (Blondie).

Radiohead – Supercollider

Supercollider, presentata dal vivo fin dal 2008 in versione voce e piano (esordio a Malahide, quel posto con castelluccio very nice vicino Dublino), era bella assai. La versione registrata, densa di brume digitali, non è forse la migliore possibile. Per ascoltarla, insieme a “The butcher”, andate su Stereogum. Io, nostalgico, posto qui sotto la canzone che fu.

Charlotte Gainsborough – Memoir

(Ancora un link su Soundcloud) Indietro nel tempo con le atmosfere acustiche della figlia del beneamato Serge. E’ il primo inedito di Charlotte da due anni a questa parte (ricordate l’album prodotto da Beck? Era bellissimo). Canzone scritta da Conor J. O’Brian dei Villagers, gruppetto folk-rock irlandese.

Terminal Sales Vol. 4: Please to Enjoy

Compilation dell’etichetta Sub Pop che mischia inediti e brani recenti. Molte le cose buone (Fleet Foxes, Mogwai, J. Mascis, Low…). Su Soundcloud c’è tutto l’album in streaming.

La copertina del quarto volume di "Terminal sales"

Advertisements
This entry was posted in novità, Uncategorized and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s