Monthly Archives: January 2011

You may ask yourself, “How do I work this?”

Dando un’occhiata a un’intervista a Sufjan Stevens ho trovato questa riflessione sui Talking Heads, illuminante per capire come sia cresciuta, nel tempo, l’influenza del gruppo fondato da David Byrne. Una riflessione che è anche una lode:   David Byrne is the … Continue reading

Posted in a volte ritornano, canzone del giorno, classici | Tagged , , , , , | Leave a comment

Mentre tutto intorno è pioggia e Francia

Paolo Conte cittadino onorario di Parigi. All’Avvocato di Asti è stata assegnata la “Grande medaille de Vermeil”, ovvero la più alta onorificenza della capitale francese. La cerimonia di consegna è stata condotta da Christophe Girard, vicesindaco di Parigi. «Mi sembra che … Continue reading

Posted in Uncategorized | Tagged , , , | Leave a comment

CAN they play? Una serata con il Damo Suzuki Network

Cacofonia, tessiture sonore complesse e imprevedibili, accensioni ritmiche, strumenti inventati, bravura tecnica e un pezzo di storia del rock. Sono stati questi gli ingredienti principali della bizzarra ricetta musicale proposta dal Damo Suzuki Network, che nella settimana passata ha girato l’Italia … Continue reading

Posted in live, milano | Leave a comment

PJ Harvey, ultima rosa d’Inghilterra

Questa settimana on repeat: (PJ Harvey, “The last living rose”, video di Seamus Murphy) Scrive The Quietus: «What’s not to love about this track?» E’ sottile, nervoso e brillante come le migliori cose di PJ Harvey. Una cosa piccola, di neanche … Continue reading

Posted in a volte ritornano | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Here to stay?

Pare che il rock sia definitivamente morto. La notizia è della settimana scorsa. A certificare il decesso, la classifica dei singoli venduti nel Regno Unito: tra le cento canzoni in lista, solo tre sono categorizzate come “rock”. L’anno scorso erano … Continue reading

Posted in editoriale | Tagged , , , , , , , , , | Leave a comment